Sono arrivata a Las Vegas dopo il tramonto. La città si rivela da lontano, con un semplice bagliore. A poco a poco il buio del deserto del Mojave è sostituito dalle abbaglianti luci dei neon che, di notte, regalano uno spettacolo unico al mondo. Non è facile immaginare una città del genere, eppure esiste. Baluardo del divertimento, quella che a suo tempo è stata soprannominata “Sin City” (città del peccato), è oggi un un immenso parco giochi all’aperto che, dentro e fuori i casinò, lascia inizialmente interdetto il visitatore, frastornato dalle luci e i suoni che avvolgono la parte più turistica della città.

Cosa vedere a Las Vegas? In realtà non è facile rispondere a questa domanda, soprattutto per il viaggiatore italiano, abituato a una concezione più classica di turismo fatta di arte, monumenti e musei. Eppure la città più grande del Nevada attira ogni anno moltissimi visitatori, che hanno reso Las Vegas la quinta destinazione più visitata al mondo.

In questo articolo non ti racconto solo le attrazioni simbolo di Las Vegas (che comunque sono immancabili, sappilo), ma anche di posti meno battuti e turistici, comprese le meraviglie naturali regalate dal deserto circostante. Ti consiglio di alloggiare in un hotel casinò (il costo non è così proibitivo!) così da fare anche l’esperienza dei tavoli da gioco, per poi cominciare il vero e proprio viaggio a Las Vegas, che ti porterà a scoprirla in lungo e in largo. Ma prima di parlarti dell’itinerario, ti faccio una piccola raccomandazione: fissa un budget. Il gioco d’azzardo si chiama così per un motivo!

Las Vegas Strip e le sue attrazioni iconiche

Io ho visitato la Strip di Las Vegas di sera per cogliere a pieno lo spirito più iconico della città, fatto di neon, luci intermittenti e giochi d’acqua. Non dimenticare, poi, che di giorno il caldo potrebbe farti rimpiangere di essere uscito a passeggiare all’aria aperta! Se proprio non puoi evitare di muoverti quando il sole è alto in cielo, ti consiglio di affidarti alla “Las Vegas Monorail“, una monorotaia sopraelevata che tocca le attrazioni più famose di Las Vegas.

Fatte queste premesse “salvavita”, cominciamo la nostra passeggiata lungo la Strip che, per chi non lo sapesse, è l’arteria principale della città, che su ogni mappa troverai indicata come Las Vegas Boulevard South: si estende per circa sette chilometri ed è proprio qui che si trovano 19 dei 25 hotel più grandi del mondo in quanto a numero di stanze. Sono loro a essere i protagonisti di questa parte della metropoli e, fidati, ti sembrerà di vestire i panni di Ulisse attirato dal canto delle Sirene. Ma su quali soffermarsi? Io alloggiavo all’Hotel Excalibur (davvero incredibile!), dove nel 2003 è stato vinto il più grande jackpot della storia di Las Vegas. No, non da me.

Ho quindi cominciato la mia passeggiata sulla strip partendo da sud, e la prima incredibile attrazione che ho incontrato è stato il New York – New York. Te ne parlo qui sotto e, poi, a seguire, troverai l’elenco di tutti gli altri posti da visitare di Las Vegas che trovi lungo la Strip.

Foto panoramica della Las Vegas Strip vista di notte
Foto di Julian Paefgen / Unsplash

New York – New York – The Big Apple Coaster

Benvenuto a New York o, meglio, in una sua versione in formato ridotto. L’hotel è disegnato per assomigliare ai grattacieli della Grande Mela e ai suoi piedi si trova una grande piscina che ricorda la baia newyorkese, con tanto di Statua della Libertà e ponte di Brooklyn in miniatura. Oltre ad ammirare l’incredibile gioco di luci del luogo, ti consiglio di provare la sua attrazione di punta dell’Hotel, The Big Apple Coaster, ovvero le montagne russe che, percorrendo tutto il perimetro dell’hotel, ti daranno una visuale inedita sulla Strip (Sempre che tu riesca a tenere gli occhi aperti). Una corsa costa circa 19 dollari, vale la pena provare! Se ami il cioccolato, poi, guadagna l’interno del New York – New York per fare un salto al Hershey’s Chocolate World, dove troverai tonnellate di dolciumi, dalle mele caramellate e il burro di arachidi più dolce di tutti gli States.

Paris Las Vegas e la sua Eiffel Tower

Da New York a Parigi in pochi passi. A Las Vegas il mondo intero è a “walking distance”. Come avrai già capito, il tema di questo celebre Hotel Casinò è la città di Parigi, e infatti camminando sulla Strip potrai ammirare la replica esatta della torre Eiffel (che però è alta la metà dell’originale) e le riproduzioni dell’Arco di Trionfo e di Place de la Concorde. Qui ad essere letteralmente presa d’assalto è la Eiffel Tower Viewing Deck, una piattaforma panoramica da cui vedere Las Vegas dall’altro: il biglietto costa circa 24 dollari. Per tante persone questo è uno punti più romantici della città, per altri (come me) è decisamente kitsch. Personalmente non sono salita in cima, ma col senno di poi mi sono un po’ pentita: è proprio questo, infatti, il punto perfetto per ammirare lo spettacolo delle fontane del Bellagio, di cui ti parlo qui sotto.

Bellagio Fountain

Tributo all’omonima località situata sul lago di Como, il Bellagio è l’emblema dello sfarzo. E le fontane che decorano la facciata di questo lussuoso hotel casinò non sono da meno. Le guardi rapito, e poi ti ricordi di essere letteralmente in mezzo al deserto. Assurdo!

Fra le attrazioni di Las Vegas, questa è sicuramente irrinunciabile, anche perchè lo spettacolo d’acqua – a differenza di tutto ciò che si trova all’interno dell’hotel – è gratuito. Le fontane del Bellagio sono perfettamente visibili dalla Strip, dove sicuramente rimarrai ammaliato dalle coreografie dell’acqua che, a tempo di musica, esplode in getti alti fino a 140 metri. La fortuna è che potrai ammirare lo spettacolo quando desideri, perché si ripete ogni 30 minuti di pomeriggio e ogni 15 la sera, fino a mezzanotte. Ovviamente ti consigliamo di vederlo di notte, perché i giochi di luce renderanno il tutto ancora più spettacolare. E visto che il Bellagio si trova praticamente di Fronte al Paris Las Vegas, puoi approfittare della piattaforma panoramica sulla Tour Eiffel per godere dello spettacolo da una prospettiva decisamente privilegiata.

The Venetian

Continua a percorrere la Strip e, dopo il Ceasars Palace e il Mirage, troverai The Venetian che, oltre a essere il più grande hotel a 5 stelle degli USA è anche una piccola Venezia in miniatura. Davanti all’ingresso, infatti sono riprodotti il Ponte di Rialto e il Campanile di Piazza San Marco. Se vuoi la full experience, puoi anche coccolarti con un giro in Gondola nel canale che costeggia il centro commerciale dell’hotel. Costa circa 34 dollari a persona: è sicuramente un’esperienza po’ kitch, ma se vuoi riposare un po’ le gambe stanche dal troppo camminare, unirai l’utile al dilettevole.

La ricostruzione del campanile di san marco al The Venetian di Las Vegas al crepuscolo

Stratosphere Las Vegas

Fra le cose da fare a Las Vegas lungo la Strip non può assolutamente mancare una visita allo Stratosphere, hotel mastodontico situato all’estremità nord di Las Vegas Boulevard South. Lo riconoscerai da lontano per la sua torre panoramica di 350 metri, la più alta di tutti gli Stati Uniti. Io non ho avuto né il coraggio di salirci né di provare le sue particolarissime “giostre”, anche se chiamarle così è certamente riduttivo.

Se sei una persona coraggiosa, però, devi assolutamente provare almeno uno dei suoi Thrill Rides! Sono tre: il Big Shot, da cui verrai sparato in cima a una torre in pochissimi secondi; l’Insanity, ovvero un braccio meccanico che si estende per quasi 20 metri oltre il bordo dello SkyPod a un’altezza di 263 metri; l’X-scream, ovvero le montagne russe più estreme del mondo, che ti faranno vedere la Las Vegas Strip da una prospettiva che (probabilmente) rimpiangerai!

Freemont Street

Esiste un centro storico a Las Vegas? La risposta è no, ma Freemont Street, almeno sulla carta, è quello che ci si avvicina di più. È infatti la via più antica della città, lungo la quale sono sorti i primi hotel e i primi casinò. Ti conviene però dimenticare i fasti da vecchio west, soprattutto se si considera la Freemont Street Experience, cuore pulsante di quest’arteria cittadina, ovvero un grandissimo centro commerciale a cielo aperto, lungo il quale, però, sono nascoste alcune chicche.

Al California Hotel, ad esempio, ti aspetta la statua dell’Happy Buddha. Leggenda vuole che toccandogli (l’ormai consunta) pancia, sarai baciato dalla fortuna: e a Las Vegas un po’ di good karma non fa mai male. Fai poi un salto al Mob Museum, un interessante museo sulla criminalità organizzata, per poi dirigerti verso il Golden Gate Hotel & Casino dove, di fianco alla reception, troverai un piccolo museo con oggetti d’epoca che provengono direttamente dalla Las Vegas dei primi anni. Non dimenticare, poi, di farti una foto vicino a Vegas Vic, il cowboy di neon più famoso degli States e del mondo intero.

Cose da vedere a Las Vegas: alcune persone visitano freemont street experience di notte

Neon Museum

Siamo a Las Vegas: poteva forse non esserci un museo dedicato alle insegne luminose? In realtà è un luogo molto bello e caratteristico, che ti consiglio di includere fra le cose da vedere assolutamente a Las Vegas: potrai infatti guardare da vicino le insegne dei vecchi casinò o delle antiche attività commerciali che, negli anni, hanno animato la città. Sarà come fare un viaggio nel tempo decisamente pop, perché camminerai letteralmente fra centinaia di insegne opportunamente restaurate. Ovviamente ti consiglio di visitarlo la sera, comprando in anticipo il biglietto perché è un’attrazione presa d’assalto!

Neon Museum a Las Vegas: un particolare

Arts district a Las Vegas

Vuoi vedere una zona di Las Vegas diversa da tutte le altre? Fai un salto all’Arts District e dimentica gli sfarzosi hotel, le luci al neon e tutto quello che identifica, nell’immaginario collettivo, la città. Questa zona di Las Vegas è infatti caratterizzata da bassi edifici industriali che, a partire dagli anni ’80, sono stati letteralmente presi d’assalto dagli artisti. Come potrai immaginare, qui è l’arte a essere la vera protagonista: dai meravigliosi murales alle gallerie, respirerai un’atmosfera completamente diversa dal resto della città. Se dopo la Strip hai bisogno di tranquillità e “normalità”, ti consiglio anche di approfittare dei tanti bar e cafè presenti nella zona: sarà una vera e propria boccata d’aria fresca!

Shark Reef Aquarium e Mandalay Bay Beach

Spostati ora a sud della Strip, perché il tuo tour di Las Vegas non può non includere lo Shark Reef Aquarium, che è davvero enorme. A dispetto del nome, non sono gli squali a essere i soli protagonisti del luogo: questo mastodontico acquario ha una superficie di quasi 10mila metri quadri e ospita tantissime specie acquatiche diverse (circa 2000), compresi piranha e polpi giganti. Una delle sue parti più spettacolari è sicuramente lo Shark Tunnel, dove camminerai letteralmente in mezzo agli squali. Pur essendo un acquario pubblico, è di proprietà del Mandalay Bay Resort, che conta anche una spiaggia di sabbia (in mezzo al deserto!) con tanto di gigantesca piscina.

Dopo aver passeggiato in mezzo agli squali e aver visitato la spiaggia cittadina, fai un salto all’insegna “Welcome to fabulous Las Vegas“, che si trova davvero a pochi passi. È sicuramente fra le attrazioni più instagrammabili della zona, nonché un luogo iconico della città. Secondo me non può mancare tra le cose da vedere a Las Vegas!

Las Vegas Sign davanti alle palme della città di giorno

High roller observation wheel

Se non temi le altezze come la sottoscritta, termina il tuo tour delle cose da vedere a Las Vegas con un giro sulla ruota panoramica più alta del mondo, la High Roller Observation Wheel, che si trova poco distante dalla Strip. Salirai a 167 metri di altezza a bordo di una cabina che può ospitare fino a 40 persone: potrai spaziare con lo sguardo, perché la vista dall’abitacolo è a 360° sulla città. Puoi concederti un giro di sera, per cogliere a pieno l’atmosfera del luogo, ma in realtà è bellissima anche di giorno perché ti darà il metro di quanto incredibile sia la città di Las Vegas.

Little white wedding chapel, per sposarsi a Las Vegas

Ho viaggiato a Las Vegas da single, e per fortuna sono tornata a casa senza sfoggiare un anello al dito. Sposarsi a Las Vegas è davvero facile e tanti miei amici sono diventati marito e moglie al cospetto di una brutta copia di Elvis Presley. In città, infatti, i matrimoni si possono celebrare praticamente ovunque, anche in elicottero! Eppure la location più famosa è senza dubbio la Little White Wedding Chapel che, da Frank Sinatra a Mia Farrow, ha visto sfilare verso l’altare davvero tantissime celebrità. Se viaggi con la tua dolce metà, è un’ottimo modo per rendere indimenticabile la tua vacanza, non trovi?

Ricorda che se vuoi sposarti a Las Vegas, prima di prenotare la tua cerimonia, devi necessariamente fare un salto al Marriage License Bureau (il corrispettivo del nostro municipio) per farti dare il nulla osta. Ma fai attenzione: gli impiegati si riservano il diritto di non sposarti se dai l’impressione di essere troppo ubriaco. Occhio ai bicchieri di troppo!

Las Vegas: cosa vedere nei dintorni

L’ho detto all’inzio: Las Vegas non è solo hotel, luci al neon, matrimoni improvvisati e slot machines. Trovarsi nel bel mezzo del deserto dà infatti la possibilità di visitare alcuni dei luoghi più suggestivi del mondo. Te li elenco in breve, altrimenti servirebbe un itinerario a parte!

Diga di Hoover

Comincia dalla diga di Hoover, la più famosa di tutti gli USA: si trova sul Colorado River e più precisamente nel Black Canyon, ed è un’opera di ingegneria davvero mastodontica. Ti consiglio di approfittare di una visita guidata, che ti porterà a scoprire anche come funziona la centrale elettrica. Se hai un budget più alto, poi, approfitta della visita in elicottero!

Grand Canyon

E sempre in elicottero potrai andare al Grand Canyon, per ammirare dall’alto uno spettacolo naturale unico al mondo. Avrai la possibilità di ammirare le gole più incredibili da una prospettiva privilegiata, per poi atterrare in loco e visitare in autonomia la zona. Il prezzo ovviamente non è alla portata di tutte le tasche, ma se vuoi farti un regalo ne vale davvero la pena. Il tour dura, circa 4/5 ore.

Valley of fire

Se affitti una macchina, invece, potrai visitare in autonomia la Valley of Fire, che si trova a circa 50 miglia da Las Vegas. Il nome di questo deserto è dovuto agli incredibili colori delle sue formazioni rocciose che, nelle giornate di sole, sembreranno quasi prendere fuoco. Percorri il deserto in macchina per fermarti nei diversi punti di interesse, che vanno da Atlatl Rock (da cui potrai scattare foto meravigliose e panoramiche) all’Elephant Rock. Sarà una gita davvero meravigliosa!

Cosa vedere a Las Vegas: Valley of fire al tramonto

Quando andare a Las Vegas: il periodo migliore

Las Vegas si trova in mezzo al deserto, e le temperature possono essere poco clementi con i suoi visitatori. Il periodo migliore per visitarla, quindi, non è certamente quello estivo, anche se probabilmente passerai gran parte del tempo al chiuso. Ti consigliamo quindi di prenotare la tua vacanza a Las Vegas nei mesi che vanno da marzo a maggio e da settembre a novembre. A dicembre, infatti, potresti trovarla parecchio affollata a causa delle festività natalizie. Se, invece, hai prenotato il tuo viaggio a Las Vegas in estate, ricorda che di giorno la temperatura esterna può essere decisamente proibitiva: tutte le attività all’aperto (compresa la passeggiata “obbligatoria” lungo la Strip) andranno fatte rigorosamente di sera o di mattina presto.

Viaggio a Las Vegas con WeRoad

Se vuoi visitare le bellezze di Las Vegas approfitta dei magnifici viaggi WeRoad: nulla è lasciato al caso e il divertimento è assicurato! Far West 360° è l’itinerario che parte da Los Angeles e arriva a Las Vegas, dove potrai lasciarti andare a vizi e vezzi. Nel mezzo, invece, ammirerai la natura più selvaggia degli USA per una vacanza ad alto tasso di adrenalina. In base al periodo dell’anno in cui vuoi viaggiare, avrai a disposizione due itinerari: quello estivo e quello invernale, che parte a ottobre. Sei pronto a partire con noi?

Vuoi scoprire di più sulle altre città degli States? Allora non perdere questi articoli:

Serena Fogli
Scritto da Serena Fogli
Giornalista a tempo pieno, eco-ansiosa di professione: divoro libri anche a colazione e viaggio non appena lavoro e risparmi me lo...