“Vorrei svegliarmi nella città che non dorme mai” cantava Frank Sinatra e, a distanza di anni, non possiamo dargli torto: nella Grande Mela ci sono davvero tante cose imperdibili da vedere e da fare. Ma con così tante cose da vedere a New York, può essere difficile orientarsi e costruire un itinerario che permetta di non perdersi nulla.

Gotham City (New York ha mille soprannomi) è un concentrato di fascino, di cultura, di persone diverse, di stimoli a cui è difficile non reagire. D’altronde se ogni anno viene visitata da più di 60 milioni di turisti un motivo ci sarà. Anzi i motivi sono davvero molti.

A questo proposito, prima di parlarvi dei posti da vedere a New York, vogliamo darvi dei buoni motivi per comprare quel biglietto aereo il prima possibile.

I motivi per visitare New York (se ne avete bisogno)

Il ponte di Brooklyn visto da Dumbo

Cominciamo con il primo motivo, il cibo. In alcuni momenti potrete pensare “Ma siamo in Italia!”, vista la quantità di ristoranti italiani. In realtà New York è un mix di culture e qui è possibile trovare di tutto e con una qualità molto alta.

Più avanti approfondiremo i piatti da provare assolutamente, ma vi diciamo solo due parole fondamentali: junk food.

Un’altra buona ragione per visitare New York sono i contrasti: sono tanti e di diverse tipologie. Partiamo dalle persone: la città è abitata da tante culture di colori, nazionalità e mentalità diverse, è un vero e proprio melting pot.
Poi ci sono i contrasti fra l’urbano e la natura: la bellezza verde di Central Park che si integra perfettamente con i grattacieli di Manhattan.

Anche il clima fa parte delle cose strane ma in equilibrio perfetto a New York: in una giornata di Marzo infatti potreste dover indossare calzamaglia e sciarpa di lana ed il giorno successivo passeggiare tranquillamente a maniche corte.

Lo sport si aggiunge alla lista dei motivi per cui vale la pena visitare New York: neofiti o esperti di basket e di baseball stiamo parlando proprio a voi, che qui avrete la possibilità non solo di praticare nei tanti campi comunali ma anche di vedere dal vivo qualche esibizione interessante.

Le feste e la vita notturna non possono mancare alle cose che rendono New York una città unica: quando si parla di città che non dorme mai, ci si riferisce ai tanti rooftop bar e locali che la città offre.

Il cinema è l’ultimo di questa lista di motivazioni a visitare la grande Mela. Camminare per le strade di New York ci fa già sentire protagonisti di una pellicola, ma pensare poi che qui sono stati e vengono girati tantissimi film famosi la rende ancora più attrattiva.

Ok vi abbiamo dato qualche motivo ma anticipiamo e rispondiamo alla domanda che vi starete facendo ora, ovvero quando visitare New York?

Quando andare a New York?

Panorama di Manhattan con l’Empire State Building di sfondo

A questa domanda non è semplice rispondere. New York è così ricca di opportunità che non esiste un momento perfetto per visitarla.

Andare a New York in primavera è ad esempio il periodo giusto per chi ama la natura: la città è piena di fioriture e festival e gli alberi di Central Park si riempiono nuovamente di verde.

L’estate a New York è sicuramente caratterizzata da un caldo molto forte ma è il periodo perfetto per chi ama fare festa: la città si anima di festival musicali e di feste folkloristiche. Non dimentichiamo poi che il 4 Luglio si celebra l’”Indipendence day” con l’annessa bagarre di fuochi d’artificio e feste tematiche.

La New York dal pantone autunnale è un vero spettacolo per i turisti: i colori marrone, giallo, arancione la fanno da padrone e la festa di Halloween porta tante abitazioni e negozi ad abbellirsi con zucche e scheletri. Ad Ottobre poi ricordiamo che New York è luogo di una delle maratone più famose del mondo.

Arriva poi l’inverno e non possiamo non dirvi quanto sia bella New York sotto le feste.
Quando arriva Dicembre ogni angolo della città si illumina, nelle chiese principali iniziano i cosiddetti “candlelight”, ovvero i canti con le candele di Natale, per non parlare delle piste di pattinaggio! La più famosa è quella del Rockfeller Center, ma la più grande è quella di Central Park, che vi consigliamo anche perché più economica.

Tra le cose più belle da fare a New York a Natale c’è sicuramente Dyker Heights. È la strada più famosa di Brooklyn sotto le feste per le sue luci natalizie e i suoi addobbi da film.

Ogni momento quindi è quello giusto per vedere New York perché in ogni periodo dell’anno troverete la città pronta ad accogliervi e a regalarvi un’esperienza unica nel suo genere.

Come costruire un itinerario sensato a New York

Le mappe sul cellulare potrebbero diventare le vostre migliori amiche, ricordatevi di assicurarvi qualche giga per il viaggio!

Prima di capire cosa fare a New York, bisogna organizzarsi per gestire al meglio il proprio tempo. È bene sapere che la città è divisa in 5 grandi zone, anzi “Boroughs”: Manhattan, Brooklyn, Queens, Staten Island e the Bronx.

Con questa informazione, è possibile costruirsi un itinerario per vedere almeno le parti più importanti di ognuna di queste zone di New York. Sono per fortuna tutte ben connesse grazie alla metropolitana e ai treni.

Le attrazioni più importanti della città sono quasi tutte concentrate a Manhattan. In realtà dovremmo dire che sono le attrazioni più famose di New York a trovarsi lì, nel quartiere del business, ma la città è così variegata che in ogni parte c’è storia e cultura.

Ma partiamo proprio da cosa vedere a Manhattan.

10 cose da vedere a New York girando per Manhattan

Partiamo dal borough più famoso di tutta New York, quello del lusso, del business, dei film, della vita mondana, dei loft e degli universitari. Insomma di tutto.

Le maggiori attrazioni di New York sono concentrate qui e quindi eccovi la top 10 delle cose imperdibili di questo borough:

  • Empire State building: è forse il simbolo della grande mela, probabilmente il grattacielo più iconico al mondo. Dal suo rooftop è possibile avere uno skyline pazzesco su tutta la città. In un tour di New York, magari per la vostra prima volta, vi consigliamo di partire proprio da qui;
  • One World Trade Center: un luogo importante per la storia contemporanea. È il complesso che ha preso il posto delle Torri Gemelle. Qui possiamo trovare il 9/11 Memorial, ovvero due grandi vasche con cascate d’acqua realizzate proprio nei solchi lasciati dalle torri abbattute con incisi i nomi delle vittime. È un luogo che incute rispetto e amarezza per le tante morti, ma se vogliamo conoscere davvero New York non si può non visitarlo.
    Fa parte di questo complesso anche la Freedom Tower, ovvero la torre che di fatto ha sostituito le due precedenti e che ha rappresentato la rinascita della città dopo l’attentato del 2001;
  • Rockfeller Center: è il cuore pulsante di New York, un complesso di 19 edifici che comprende uffici ma anche studi televisivi, teatri, uffici, musei, negozi, spazi aperti. Bisogna dedicare a questo luogo circa mezza giornata per godere appieno di tutto ciò che offre;
  • Times square: un altro dei posti più importanti della grande Mela. Nell’immaginario comune è piena di luci, cartelloni, persone, confusione, caos, artisti di strada ed è nella realtà proprio così. È il simbolo della New York più vivace, tappa perfetta per le famiglie perché ci sono diversi musei per ragazzi come quello delle cere, ma anche degli appassionati del lusso per le vie attigue dove fare shopping tra i negozi dei grandi marchi;
  • MoMa: il museum of Modern Art più grande al mondo. Non vi diciamo nulla di più se non Van Gogh, Picasso, Rodin, Kandinskij, Wharol: siamo sicuri che questi pochi nomi valgano già il biglietto d’entrata;
  • Wall street: ovvero il cuore finanziario e commerciale di New York. Solo a nominarla siamo sicuri che avete pensato a Broker in giacca e cravatta: avete ragione, ce ne sono moltissimi!
  • Central Park: siamo arrivati al polmone verde di New York, il protagonista di tutte le corse che vediamo degli attori nei film. Quello che non tutti sanno è che qui dentro ci sono 21 parchi di divertimento, una pista di pattinaggio, uno zoo, alcuni campi sportivi, un castello, un laghetto da percorrere in barca, tantissime fontane, e un’ area dedicata a John Lennon, lo Strawberry Fields;
  • La High Line: è un parco realizzato alla fine degli anni 90 al posto di una linea di treni ormai dismessa di West Side Manhattan. Negli ultimi anni è diventato il luogo più visitato di tutta New York, incredibile? Solo se non ci siete mai stati! L’high line è un concentrato unico di architettura (con ben 4 palazzi vincitori del Pritzker Prize che si affacciano su di essa), verde urbano, arte e design;
  • La Fifth Avenue: ovvero la strada più famosa di New York, quella che si vede in tutte le serie tv quando qualcuno ha un caffè di starbucks in mano. Lungo questa importante arteria si svolgono anche quasi tutte le Ticker Tape Parade che si tengono in città, come quella classica di Halloween;
  • La Statua della Libertà: la mettiamo su Manhattan perché il ferry si prende da qui, ma si trova in realtà su Liberty Island, che fa parte del New Jersey, un altro stato addirittura! La statua è conosciuta da tutti ma nasconde tantissimi aneddoti, è il simbolo non solo della città ma anche degli USA interi.
    All’interno di Liberty Island c’è il museo della Statua della Libertà che racconta l’ideazione, la creazione e il restauro della statua, è compreso nel costo del ferry. Ricordatevi però di visitare anche il museo di Ellis Island, la seconda tappa del Ferry. È sempre compreso nel costo del biglietto è offre uno spaccato pazzesco sull’immigrazione a New York. Sorpresa vera.

Ok, sappiate che vi abbiamo dato solo un assaggio di quello che si può fare nel cuore di New York, ma potete considerare questa lista come una risposta al fatidico “cosa vedere a New York in 5 giorni”. La città come dicevamo è davvero ricca di cose, ma queste sono quelle che almeno la prima volta nella grande Mela meritano un selfie su Instagram!

Per aiutarvi nell’orientamento, vi abbiamo preparato anche questa mappa:

Come preannunciato però New York è enorme, e quindi l’articolo… continuaaa!

Brooklyn, il quartiere più hipster del mondo

Brooklyn è il secondo quartiere più famoso di tutta la città . Chiaramente vi consigliamo di fare tutto il famoso ponte omonimo a piedi, è uno spettacolo unico sia che vi lasciate la city alle spalle sia che la vediate apparire davanti a voi. Ma Brooklyn è molto più del suo ponte ecco perché vi diamo almeno altri 5 buoni motivi per vederla:

  • La street art di Bushwick: New York è arte e qui troverete quella più underground;
  • L’area di Brooklyn Heights: probabilmente la zona più suggestiva del borough, molto residenziale e molto fotogenica;
  • Dumbo, che non è l’elefantino, ma è collegato con lui! In questa zona si tiene tutte le domeniche un famoso mercatino tra i pilastri che sorreggono la base del ponte di Brooklyn. Qui si respira ancora un’atmosfera molto autentica;
  • Coney Island, ovvero il parco giochi per eccellenza dei film americani;
  • Il mercato di specialità gastronomiche di Smorgasburg, perché New York è anche cibo. Tanto cibo.

La New York per chi ha più tempo: il Queens, Staten Island e The Bronx

New York come dicevamo non è solo i suoi quartieri più famosi, ma è molto di più. La si vive appieno anche negli altri quartieri, come il Queens che è principalmente un distretto residenziale. Qui ci sono alcuni esempi della diversità culturale di New York da scoprire e alcuni luoghi unici. Fra questi vi citiamo il Gantry Plaza State Park, un parco tranquillo proprio sulle rive dell’East River dove si puo’ godere di uno stupendo tramonto su Manhattan.

Anche il più temuto quartiere di New York è in realtà bellissimo: il Bronx. È l’unico dei distretti di New York a non essere un’isola e sebbene la sua cattiva fama lo preceda, vi possiamo confermare che la situazione è molto cambiata ed è decisamente una zona più sicura del passato. Qui gli appassionati dello sport non possono non fare un salto al museo degli Yankee e gli amanti delle piante e della natura troveranno un Botanical Garden pazzesco. Qui si trova anche lo Zoo, un’altra delle attrazioni della città (ricordate l’inizio di Madagascar, vero?).

Se volete lasciarvi alle spalle tutto ciò che conoscete di new York e provare qualcosa di diverso, allora Staten Island fa per voi. Qui i grattacieli di Manhattan sono un ricordo e potete vivere spazi verdi e piccole casette in stile vittoriano. Anche qui c’è tantissima storia e vi consigliamo di vedere lo Snug Harbor, un centro culturale costruito in stile antica Grecia.

Vi consigliamo di fare una tappa in questi posti che vi abbiamo descritto se avete più tempo a disposizione. Se vi state chiedendo cosa vedere a New York in 10 giorni, o se siete già venuti in città, questa sezione fa per voi.

Cosa mangiare a New York

Tra le cose da fare a New York non poteva mancare il cibo! Anche la gola vuole la sua parte infatti e non vi diremo nello specifico dove mangiare a New York quanto il cosa: è molto più importante. Tra gli immancabili c’è:

  • la pizza: si, siamo italiani ma bisogna dare una chance alla pizza di New York, se è una delle più famose al mondo un motivo ci sarà. Vi assicuro che non rimarrete delusi;
  • le donughts: le ciambelle alla Homer Simspon qui sono un must della colazione;
  • i pancakes: vi suggeriamo i diner, ovvero le tavole calde all’americana. Spesso l’esterno di questi posti non promette molto, ma il cibo è sempre una piacevole sorpresa;
  • il pastrami: il famoso taglio di carne tipico della cucina Kosher e di New York. Lo potete vedere anche nel film “Harry ti presento Sally”, loro lo mangiano da Katz, sicuramente il posto migliore in città. Come noterete dal link ho appena scoperto che è perfino su Wikipedia! D’altronde il suo Pastrami è davvero memorabile;
  • gli hot dog: ebbene si, non potevano mancare come sono immancabili i camioncini che li vendono ad ogni angolo della città;
  • la cheesecake: è il dolce per eccellenza della città, una vera meraviglia per il palato. Qui vi suggeriamo quelle di Junior’s e della Magnolia Bakery.

Vi abbiamo suggerito tante cose da fare a New York, ma ce ne sono ancora molte di cui parlare.

La grande mela infatti non è solo un concentrato di cose da fare, ma è un mix di esperienze da vivere. Nella città potete assistere ad una messa Gospel, potete godere di un tramonto così bello da essere chiamato “Manhattanhenge” , puoi pattinare sul ghiaccio d’estate, puoi incontrarti con persone vestite da Avengers, puoi scontrarti con mille manifestazioni, puoi partecipare ad una gara a chi mangia più veloce come quelle di Nathans’ e puoi fare shopping in uno dei centri commerciali più grandi del mondo.

Tutto quello che cerchi, questa città può offrirtelo e forse è per questo che è così difficile stabilire quanti giorni servono per visitare New York.

D’altronde la grande Mela è come il grande amore delle nostre vite: la prima volta che la si vede ci si innamora e poi ad ogni volta che la guardiamo, diventa sempre più bella.

Uno dei viaggi “da fare” della vita

Come avrete intuito, New York per noi rappresenta uno di quei viaggi obbligatori, anzi, possibilmente un viaggio da rifare almeno 2 o 3 volte, in modo da non perdersi nulla.

Noi abbiamo pensato ad un itinerario che permette di vedere tutto l’indispensabile senza dover avere un mese di ferie. Se vi va di partire con un tour organizzato e conoscere nuovi amici mentre visitate New York come veri local, cliccate qui!

Barbara Amasino
Scritto da Barbara Amasino