Leggende millenarie, movida notturna e atmosfere affascinanti. Praga è il mix perfetto se volete vedere una capitale europea senza rinunciare a nulla. La sua vicinanza la rende perfetta per un weekend lungo e per sfruttare i ponti di quest’anno! Questa città a metà tra Europa centrale e orientale può vantare un centro storico iscritto tra i patrimoni Unesco, ma anche tante storie affascinanti.

Una leggenda vuole ad esempio che a fondare la città sia stata la principessa veggente LibuÅ¡e, nel 730, dandole il nome di “soglia”, Praha. Ma il mito più famoso è sicuramente quello del Golem, ripreso perfino dai Simpson (ti stai chiedendo quale puntata? 18° stagione, episodio 4, La paura fa novanta XVII). La leggenda vuole che nel XVI secolo il rabbino Löw creò un uomo di argilla – il Golem per l’appunto – per servirsene come schiavo.

A questo aggiungiamo una vita notturna che in Europa non è seconda a nessuno, con pub praticamente sempre economici, dove bere un’ottima birra a uno o due euro (al cambio). Durante la bella stagione, a questo si aggiungono i locali e i bar lungo la Moldova, il fiume che attraversa Praga.

Insomma, ci sono tantissime cose da fare e da vedere a Praga, soprattutto in soli 3 giorni! Per questo l’itinerario che vi proporremo sarà una spirale, un percorso di avvicinamento, che partendo dall’esterno vi porterà al cuore della città.

1° giorno: il Parco Letná e Castello di Praga

Panorama del castello di Praga visto dal parco Letná
Vista del Castello di Praga dal Parco Letná

Non vi suggeriamo di correre a testa bassa verso il Ponte Carlo, ma di iniziare il vostro tour in maniera alternativa, più da Weroaders, con un giro al parco Letná, che sovrasta la città ed è fuori dai sentieri battuti. Il parco è raggiungibile con il tram 22 e da qui potrete godere di una vista grandiosa e non così comune di Praga.

Le caffetterie e i ristoranti del parco aprono tutti i giorni dalle 11 del mattino. Potrete prendere un caffé take away, passeggiare nei dintorni e iniziare ad osservare la città dall’alto con le sue cupole barocche.

Continuate quindi a camminare per 15 minuti a ovest per arrivare alla collina Hradčany, in cima alla quale troverete il Castello di Praga. Il complesso è senza dubbio il must-see della capitale ceca insieme al Ponte Carlo, e non poteva di certo mancare nella nostra guida su cosa vedere a Praga in 3 giorni. La fortezza è divisa in diversi cortili dove si trovano l’imponente Cattedrale di San Vito, splendidi palazzi, magnifici portali e musei.

Non perdete anche i giardini attorno ai palazzi! Ogni casato nobiliare in età barocca aveva una passione per giardini e giardinaggio ed ecco perché oggi é possibile passeggiare negli spazi verdi di Ledebour, Fürstenberg, Pálffy, Kolowrat o Waldstein. Sedetevi su una panchina e rilassatevi. Anche il vigneto in stile mediterraneo di Villa Richter all’estremità orientale del castello merita una visita.

2° giorno: da Malá Strana fino alla Casa Danzante

Panorama aereo di Malá Strana
Panorama aereo di Malá Strana

Come detto, visitare Praga in soli 3 giorni non è facile, ci sono tantissime cose da vedere, per questo il secondo giorno dovremo darci da fare dal mattino presto!. Il percorso inizia percorrendo le strade di Malá Strana, di cui il fiume Moldava compone uno dei confini. Malá Strana, anche detta Città Piccola, vi conquisterà con magnifiche case con decorazioni bianche e dorate, e un mare di tetti rosso ruggine. In mezzo, si snodano stretti cortili, scale e vicoli acciottolati, che fanno rientrare questo quartiere a pieno titolo tra le cose da non perdere a Praga.

Perdetevi tra i suoni delle fisarmoniche, il profumo dei dolci Trdelnik appena sfornati. Volete provare l’ebrezza di passare per la strada più stretta di Praga? Passeggiate intorno alla chiesa di San Nicola e lungo via Míšeňská, verso il fiume Moldava. In questo modo finirete a Nejužší pražská ulička, che si può percorrere solo quando le luci pedonali diventano verdi!

Non perdetevi l’isola Kampa, tra la Moldava e la Čertovka. Su quest’isola fluviale troverete il Palazzo Liechtenstein, utilizzato anche come set in film come “James Bond: Casino Royal” o “Le cronache di Narnia”. In questa zona troverete anche il curioso muro di John Lennon, creato dopo la morte dell’artista come memoriale improvvisato. Negli anni è diventato una vera e propria attrazione turistica, simbolo dell’opposizione al regime sovietico.

Camminate ora verso sud dalla Città Piccola lungo la Moldava, oltre la chiusa di Smíchov e la Malostranská vodárna – la più piccola torre d’acqua della città – fino all’argine della Moldava Smíchovská náplavka. Da qui prendete un piccolo traghetto pedonale per l’altro lato per poche corone e approderete sulla riva di Náplavka. Il sabato qui si svolge un vivace mercato contadino, dove si possono acquistare prelibatezze di ogni tipo.

Vale sempre la pena di fare una passeggiata lungo la riva del fiume verso la città vecchia. Pochi turisti si aggirano qui e si può godere della vista della Moldava mentre si beve un caffè al suono dei musicisti di strada. Più a nord, imperdibile è la famosa Casa Danzante (Tančící dům), sede degli Uffici Nazionali Olandesi. Questa struttura poco convenzionale è stata progettata dagli architetti Mulinic e Gehry e terminata nel 1996.

Vista della famosa Casa Danzante di Praga al tramonto
La famosa Casa Danzante di Praga

Dopo tutto questo tour a piedi vi siate assolutamente meritati un’ottima cena tradizionale! La nostra seconda tappa della guida su cosa vedere a praga in 3 giorni vi suggerisce lo storico U Fleků (Kremenkova 11) per assaporare gulasch, canederli, crauti, ma anche tante opzioni di piatti vegetariani come lo smanezi syr, un formaggio fritto accompagnato da verdure o anche la zuppa di patate e funghi. Tutto sempre accompagnato da un’ottima pivo (birra).

3° giorno: Ponte Carlo e la Città Vecchia

Si parte per la bella Vinohrady, zona residenziale di lusso, raggiungibile tramite metro scendendo alla fermata Náměstí Míru. Il quartiere conserva ancora l’ambiente mediterraneo che lo caratterizzava nel medioevo quando qui c’erano i vigneti. Il centro della zona è Náměstí Míru (Piazza della Pace) con l’imponente chiesa di Santa Ludmilla. All’estremità settentrionale si trova il parco Riegrovy Sady, da cui si può godere un panorama diverso di Vinohrady e della Città Vecchia di Praga.

Continuate a camminare verso Josefov, ex quartiere ebraico collocato sul bordo settentrionale della Città Vecchia di Praga, passeggiando per Pařížská, con i suoi palazzi e negozi di lusso. Fulcro del quartiere è l’impressionante Vecchio Cimitero Ebraico (Starý Židovský Hřbitov), che è stato per oltre 300 anni l’unico luogo dove gli ebrei della città potevano seppellire i loro cari.

Il quartiere inoltre ha 6 sinagoghe visitabili, noi abbiamo solo 3 giorni per vedere Praga, quindi vi suggeriamo di puntare la Sinagoga Vecchia-Nuova, la più antica d’Europa, tra i cui soffitti si dice sia ancora nascosto il Golem di cui vi abbiamo parlato in apertura. Le altre sinagoghe vanno sotto il nome di Pinkas, Spagnola, Klausen, Maisel, Alta. Potete acquistare il biglietto al Cimitero Ebraico e girare con la piccola mappa che vi forniranno. Ricordatevi che il sabato, in quanto festività religiosa ebraica, tutti i monumenti sono chiusi.

Una passeggiata verso sud lungo Pařížská vi porterà direttamente al cuore di Praga: Piazza della Città Vecchia, o Staroměstské náměstí in ceco. Questa è la piazza più antica del centro storico, le cui origini risalgono al X secolo. Oggi è fiancheggiata da edifici imponenti come la Chiesa di Tyn, la Chiesa di San Nicola, il Palazzo Golz-Kinských e la famosa Torre dell’Orologio del Municipio di Praga. Dalla Piazza della Città Vecchia si possono scoprire interessanti attrazioni in ogni direzione come la Torre delle Polveri, Piazza Venceslao e il Teatro Estates.

Vista di piazza della Citta Vecchia a Praga, al mattino presto
Piazza della Città Vecchia, o Staroměstské náměstí

Finalmente, dopo più di due giorni nella capitale ceca, arriverete al Ponte Carlo (Karlův most). Lo abbiamo lasciato come ultima attrazione della giornata non per coincidenza. Eh sì, perché il momento più bello per attraversare questa struttura è nelle ore dorate della sera, quando le folle di turisti iniziano a diminuire. La sua imponente Torre del Ponte della Città Vecchia e le numerose statue di santi rendono il Karlův most uno degli edifici più romantici d’Europa.

Panorama aereo al tramonto del ponte Carlo con sullo sfondo il castello di Praga
Il Ponte Carlo con sullo sfondo il Castello di Praga, da cui siamo partiti.

Godetevi lo spettacolo del via vai della gente e l’atmosfera magica della città e concludete il vostro viaggio cenando al Mlynec Restaurant con la sua spettacolare vista sul ponte.

Visitare Praga con un viaggio organizzato di gruppo

Se preferisci visitare questa magica città delegando a noi l’organizzazione di tutto e magari facendoti nuovi amici, puoi dare un’occhiata al nostro tour di Praga in 5 giorni. Con 2 giorni in più per visitare tutto con più calma 🙂

Mappa delle cose da vedere a Praga

Luca Garzia
Scritto da Luca Garzia