“Cosa significa per per te viaggiare? WeRoad ha interpretato perfettamente il significato che do al viaggio: avventura, esperienze, emozioni, incontri – insomma, la vera ricchezza. Sono tornata più ricca di prima, con il cuore pieno di emozioni, la testa piena di ricordi e i brividi sulla pelle. Ho conosciuto persone meravigliose, amiche preziose che ancora mi tengo stretta.
E poi… ho conosciuto anche lui. Tutti meriteremmo di vivere una favola del genere, e io mi sento così fortunata ad averla vissuta. Iniziata in Marocco, sotto l’ala dell’aeroporto di Marrakech, con una stretta di mano.
“Piacere Naomi”.
“Piacere Filippo”.
Chi avrebbe mai pensato che da quella stretta di mano non ci saremmo mai più divisi. Io di Bergamo, lui di Brescia. E chi avrebbe mai pensato che proprio lì, in Marocco, a migliaia di km da casa, avrei potuto trovare il mio complice. Io, single convinta. Alla ricerca di chissà cosa, ho trovato a Marrakech chi mi ha rubato il cuore e chi con me si incastra alla perfezione.
Non credo alla metà della mela, non ci ho mai creduto… ma credo fortemente alle persone che sanno dare valore aggiunto, a quelle che sanno arricchire l’esistenza altrui. Lui ha arricchito la mia.
Le stelle enormi sotto il cielo Marocco, le nostre chiacchiere infinite, le avventure dispersi nei canyon e gli sguardi furtivi. I viaggi sul pulmino, il surf al tramonto, gli scherzi sulla sabbia. L’alba sulle dune e cercarsi da lontano. E ancora, il mercato nella piazza e il primo assaggio dei fichi d’India fino al primo bacio nel riad… potrei continuare all’infinito.
È stato un viaggio indimenticabile, è stata la mia favola. Tutti meriteremmo un viaggio del genere. Tutti meriteremmo la felicità. WeRoad ce ne ha regalata un po’.” – Naomi.

San Valentino, dobbiamo ammetterlo, fa venire la pelle d’oca a più di qualcuno, soprattutto a quella fetta di umanità che si ritrova essere, volente o nolente, nella categoria dei ‘single’. In un mondo dove ‘sono single per scelta’ è diventata la frase più utilizzata quando parenti o amici chiedono ‘ma il fidanzato’, anche noi volevamo raccontare di quanto in tutto ciò non ci sia nulla di negativo, ma al contrario sia una condizione che consente di avere delle libertà che a volte la vita di coppia non concede. Nello spirito di WeRoad, che porta gruppi di sconosciuti in giro per il mondo (e lo diciamo senza problemi, la maggior parte sono per l’appunto senza un compagno/a), parlare di essere single e felici sembrava la scelta più ovvia.

Poi ci siamo ricordati di una mail, arrivata qualche mese fa in risposta ad una nostra newsletter… e abbiamo deciso di festeggiare l’amore anche noi, raccontando la storia di Naomi e Filippo, che sono partiti per il Marocco con WeRoad lo scorso agosto (piccolo spoiler: sì, stanno ancora assieme!). Nessuno dei due pensava di trovare in viaggio la dolce metà, e invece con la loro storia ci ricordano che, alcune volte, le cose belle accadono quando meno te lo aspetti.

Li abbiamo incontrati con un’intervista doppia, curiosi di sentire cosa ci hanno detto – e cosa hanno detto l’uno dell’altra?

Scritto da Team WeRoad